Di Jacopo Bertella
A tutta velocità

Gardenese, sinonimo di volontà, prontezza, entusiasmo, la ventenne Nicol Delago ha già partecipato a importanti gare di Coppa del Mondo, distinguendosi per capacità e coraggio

Come è nata questa tua grande passione per lo sci?

La Val Gardena mi ha permesso e mi permette tuttora di vivere questa mia grande passione. Sono sempre stata collegata alle piste e ho avuto la possibilità di allenarmi a pochi metri da casa mia.   All’età di due anni ho messo gli sci per la prima volta assieme a mio papà. Sono cresciuta nello Sci Club Gardena e vorrei ringraziare il mio allenatore Karl Heinz Goller e il mio preparatore atletico Günther Taschler, che mi hanno aiutato davvero tanto e ancora oggi ci sono sempre quando ho bisogno.  

Perché, non bisogna dimenticarlo, nello sport ci sono sempre alti e bassi.

 

Quali sono le più importanti differenze tra le gare di Coppa Europa e quelle di Coppa del Mondo? 

Credo che siano due gare dove devi sempre scendere tu con le tue stesse gambe. In entrambe puoi divertirti e fare ciò che ti piace di più. Certo, in Coppa del Mondo le piste sono sempre stupende e preparate benissimo, inoltre ci sono i media e gli spettatori che rendono tutto ancora più spettacolare.  

 

Le discipline veloci sono la tua specialità, ma anche in slalom hai evidenziato grandi capacità e caratteristiche positive: come ti trovi in gara tra i pali stretti? 

Devo ammettere che qualche anno fa ero ancora slalomista, prima di scoprire la velocità. Lo slalom è una disciplina che richiede molto allenamento, e con questi intensi programmi di gare non è sempre facile trovare il tempo. Sicuramente, però, non voglio tralasciarlo, perché serve anche per le altre discipline.

 

Vogliamo conoscere la Nicol privata con i suoi hobby e le sue curiosità…

I pochi giorni che sono a casa cerco di staccare un po’ la testa. Vedo volentieri i miei amici e trascorro del tempo con loro. Inoltre mi piace la musica e amo la cioccolata.

 

Quali desideri hai attualmente per la tua attività agonistica?  

Voglio continuare a vivere questa passione divertendomi al massimo. Vivere gara per gara senza farmi troppi pensieri. So che devo migliorare sotto certi aspetti, però ho tanta voglia di farlo. 

 

Scorrevolezza pura sugli sci: è Nicol Delago
Determinazione e indiscusse capacità tecniche: incontriamo Karoline Pichler, il talento dello sci alpino italiano
La parola del mese: scrittura
I ragazzi escono dalla scuola sapendo male l'italiano, che valore ha la scrittura nel 2017?
Un po' attori un po' diplomatici
Quest’occasione si chiama MUN
L'impresa cooperativa arriva fra i banchi
Se volete imparare a fare impresa, c’è un programma tutto per voi che potete realizzare a scuola
Coppa del mondo
Marta, Nicole e le altre...
Archivio Attualità
Tutti pazzi per il calcio (Redazione) 27/03/17 11:37
La genialità non ha genere (Giulia Toninelli) 27/03/17 11:37
Divertendosi si impara (Redazione) 27/03/17 11:28
Professione digital (Chiara Colasanti) 27/03/17 11:22
Ci salverà la Cultura (Redazione) 27/03/17 10:45
Donne che fanno storia (Liceo Linguistico Russell) 06/03/17 16:49
La velocità femminile si chiama Nicol (Jacopo Bertella) 27/02/17 11:37
Il campione che non amava nuotare (Redazione di Genova) 27/02/17 11:32
La verità sulle auto che si guidano da sole (Samuele Buzzi) 27/02/17 11:10
I tempi cambiano ma i pregiudizi restano (Giulia Tardio) 27/02/17 10:47