Di Jacopo Bertella
Quando tutto ebbe inizio

Ascoltare la storia della nascita dello spazio e del tempo dalla voce di uno dei più importanti fisici al mondo, italiano, è un’esperienza davvero unica. E ho scoperto che…

In una stupenda serata estiva, passeggiare tra le viuzze antiche della città di Sarzana, affollatissime, osservare con piacere l’atteggiamento rilassato e soddisfatto delle persone. Sono qui per partecipare alla tredicesima edizione del Festival della mente di Sarzana e riconosco nel viso sorridente e dai tratti un po’ irregolari il prof. Guido Tonelli, scienziato di fama internazionale e ricercatore del CERN di Ginevra, nonché ordinario di fisica alla facoltà di Ingegneria a Pisa. È a lui che si deve, insieme a Fabiola Giannotti, la scoperta del famoso Bosone di Higgs.
Mi pregusto l’incontro che si terrà di lì a poco, in una tensostruttura esaurita, per i posti, da alcuni giorni: “La nascita del tempo (e dello spazio)”. Il silenzio cala non appena il prof apre bocca: «Noi pensiamo allo spazio e al tempo come qualcosa che esiste da sempre, e riteniamo queste due grandezze totalmente indipendenti: ecco, questo è un pregiudizio che vorrei smontare. Tutto dipende dalle nostre dimensioni spaziali e temporali: siamo alti in media 170 cm, pesiamo 70 kg e viviamo 80 anni, muovendoci in una porzione decisamente ristretta dell’universo: questo non poteva non condizionarci». E invece – spiega Tonelli – lo spazio e il tempo sono indissolubilmente legati e ce ne accorgeremmo se potessimo ad esempio andare alla velocità della luce.
E non sono nemmeno sempre esistiti: la nascita risale a 13,7 miliardi di anni fa, a seguito di <<una minima fluttuazione quantistica del vuoto>>. Detto così, sembra un mistero. Ed effettivamente qualche parte oscura c’è nella storia della nascita dell’universo. Oggi sappiamo che il tutto si è originato da una sorta di bollicina che si sarebbe dovuta richiudere, e che invece ha cominciato ad espandersi tantissimo in un arco di tempo davvero ristretto, per poi fermarsi. È a questo punto che, nel tempo occupato da un battito di ciglia, tutto si raffredda abbastanza per cristallizzare particelle che noi conosciamo con il nome di Bosoni di Higgs, ovvero le prime particelle dotate di materia che costituiscono l’universo come lo conosciamo oggi.
E per provare questa teoria sono stati messi in campo strumenti davvero eccezionali, come l’LHC (Large Hadron Collider), l’acceleratore di particelle con 27 km di circonferenza: un oggetto tanto grande per cercare una materia tanto piccola. Grazie a questo esperimento, che porta minime parti di materia a temperature elevatissime, si è in qualche modo tornati indietro nel tempo per scoprire come è nato l’universo. Ma sappiamo anche come finirà? «La struttura che tiene insieme l’universo non è eterna. Vi sono due ipotesi sulla sua fine. La prima è che tutto potrebbe svanire di colpo, potrebbe quindi avere la meglio una specie di antigravità, energia oscura, che spinge tutto lontano da tutto, con velocità crescente. L’altra possibilità è opposta, ovvero una fonte di calore incontrollata che sarebbe in grado di cancellare ogni materia. Vi rassicuro però, sono problemi che si presenteranno tra miliardi di anni... », spiega il professore, che con quest’ultima frase suscita sospiri di sollievo in sala. E potete tirarlo anche voi!

 

Tutti noi abbiamo una casa che condividiamo, la Terra, che abita nel sistema solare (o meglio ci orbita). Il sistema solare a sua volta orbita all’interno della Via Lattea, la Via Lattea, per chi di voi non lo sapesse, è una galassia… Ma cosa sono le galassie e quanti tipi di galassie ci sono? Leggete oltre per saperne di più
Lontane, spesso dimenticate, eppure sopra i nostri occhi: sono le tante missioni spaziali che indagano il sistema solare alla scoperta di nuove informazioni
Donne che fanno storia
Le studentesse e gli studenti del Liceo Linguistico “Bertrand Russell” hanno realizzato un percorso tutto al femminile
La velocità femminile si chiama Nicol
Scorrevolezza pura sugli sci: è Nicol Delago
Il campione che non amava nuotare
Francesco Bocciardo, 22 anni, vincitore della medaglia d’oro alle Paralimpiadi di Rio 2016: un sogno coronato
La verità sulle auto che si guidano da sole
Chi non ha sentito almeno una volta parlare delle famose “auto che si guidano da sole”?
Archivio Attualità
I tempi cambiano ma i pregiudizi restano (Giulia Tardio) 27/02/17 10:47
Quel difficile mestiere del giornalista (Ilenia Vitale) 23/02/17 17:01
Legalità ON AIR (Monica Bruni, Valentina Cameli, Patrizia Illuminati, Francesco Orsolini, Emanuele Santori) 15/12/16 15:32
Chiarimenti universali (Mattia Bonanno e Andrea Miglio) 15/12/16 15:22
In radio a 12 anni? Si può (Redazione) 15/12/16 15:18
Un giorno da storico (Marco Moretti, Matteo Pazzini, Emil Pop) 15/12/16 15:09
Quando la statistica dice molto (Redazione) 15/12/16 14:43
Terremoti: scuole a rischio? (Gaia Ravazzi) 23/11/16 15:45
Le ragioni del no (Redazione) 23/11/16 15:02
Le ragioni del sì (Redazione) 23/11/16 14:50