• La storia di Chiara Fanfarillo
  • La storia di Camilla Gaggero
  • La storia di Silvia Faveto
  • La storia di Federico Brignacca
  • La storia di Luca Pizzimenti
  • La storia di Fabio Canessa Eleonora Priori
  • La storia di Chiara Colasanti
  • La storia di Giulia Cecchi
  • La storia di Chiara Colasanti
  • La storia di Lady Iron
On the road
Viaggi estivi
3 metri sotto terra
Le migliori figuracce
Registro di classe
Note e giustificazioni da incorniciare
In questa sezione raccogliamo tutte le vostre storie di vita quotidiana, tra gite di classe, uscite con gli amici, notti da ricordare: in una parola, i ritratti di una generazione. Per noi i vostri racconti sono davvero importanti: scriveteci a redazione.roma@zai.net
Di Dario Carere
sabato sera

Genova senza parole
Quando a parlare sono le immagini

Poche città, a confronto con Genova, hanno una così grande ricchezza di volti. Se da una parte l’aspetto caotico della sua urbanistica e il suo tortuoso ingranaggio di spazi, dove spesso cose e persone sembrano malamente distribuite, confondono il visitatore avvezzo ad abitazioni più distanziate e quartieri più razionali, è pur vero che in questo coacervo escheriano di scale, salite, ascensori e cunicoli, tutti gli strati storico-culturali su cui Zena è fondata creano non una città, ma più città l’una nell’altra: niente si perde. Non può non risultare affascinante, anche in considerazione delle tante etnie che qui non smettono mai di mescolarsi: qui c’è il bazar di Marrakech, l’eleganza di Torino, il grigio di Londra; quanto all’inquinamento, purtroppo, si potrebbe dire che vi confluisca a livello internazionale.
Certo, questa è solo l’impressione di un giovane calabrese, che qui ci vive da 10 anni; in un certo senso, né più né meno di un immigrato maghrebino, reduce da un villaggio di deserto. Ma ciò che soprattutto mi colpì al mio arrivo, e tuttora, fu che i lavori artistici su Genova non si limitano a quel lato pittoresco-romantico che si ostina a comparire in mille mostre ed esposizioni di strada, utile a colpire il turista più ingenuo o semplicemente il cittadino incolto (l’odiosa barchetta sulla sabbia, e le facciate variopinte sullo sfondo), ma trovano sempre aspetti nuovi e colori nuovi, che colgono la diversità, l’evoluzione, il caos. Ci sarebbero fin troppe immagini, fin troppi filmati da costruire sulla Superba caleidoscopica. E un ennesimo esperimento è giunto da due artisti che non sono genovesi, ma abbastanza fantasiosi per raccontarla.
“Genova senza parole”, di Nicolò Paoli e Stefano Fioresi, ospitata dalla Sala della Dogana, si è conclusa il 4 dicembre. Modenesi l’uno e l’altro, hanno parlato di Genova come della propria città, la città del cuore, con il suo brulicante entusiasmo, le sue zampe di vita. “Senza parole” perché parlano le immagini, certo, ma forse anche perché le immagini lasciano senza parole. Circa gli aspetti più tecnici della loro felice collaborazione, il sito “Città di Genova” è certo esauriente e ricco; ciò che potrei dire di nuovo, è che probabilmente il loro personale modo di vedere la città ha di bello che non sa scegliere tra il colore e il bianco e il nero. Se da una parte Nicolò pone sulle foto giganti di Stefano delle vivaci macchie di colore con il sac a poche, come per preparare un dolce, dall’altra si dedica a bianche macchie circolari di colla, che solidificata assume la consistenza della plastica; così, simili a bottoni, o ad occhi guardinghi, questi cerchi bianchi punteggiano il vicolo approfondendo il viaggio, rigonfiando l’ambiente.
È la Genova dei bassifondi, degli scatoloni, dei tombini. Ma anche della gioventù, dello shopping, della folla. Le foto di Stefano raccolgono la quotidianità e i silenzi come i rumori, i colori freddi come i caldi; i soggetti principali, evidenziati dal bianco intenso e dai contorni un po' tremuli, che ricordano i fumetti, si stanziano in mezzo all’oceano di bolle. Su un’opera campeggia, scritta sulla parete di un vicolo, l’ormai celeberrima firma di Melina Riccio, che è anch’essa, perché no?, un piccolo pezzo di storia. Una Genova malinconica e gioiosa, come quella del filmato accelerato proiettato nella prima sala: in esso il sole sorge e tramonta in pochi istanti, sopra una Zena indaffarata e un po’ angusta, immensamente viva.
La presenza di insetti di gomma appiccicati alle tele, mi spiega Nicolò, rappresenta la “vita nascosta” dietro la città più superficiale; insomma, la vita naturale, e di conseguenza anche quella dei nostri scarti, della decomposizione del lato marcio della società e della legge. Quale altra città sa essere “mariuola” in modo così poetico? I carrugi parlano, ma più spesso parlano gli altri per loro: vi immagini un Nietzsche che passeggia lisciandosi i baffoni, un Dino Campana che cerca frammenti di lucidità. Il pensiero genovese non è fatto per essere piano, disteso: lo dice la sua formologia contorta e solo a tratti ritmica, i suoi odori contrastanti.
La sola riflessione che vorrei affidare a chi legge, dato che, come ho già detto, informazioni più tecniche sono già state fornite, è questa: Genova è bella, e su questo non ci piove; ma il modo in cui possiamo renderla più bella, forse, e mi sembra lo abbiano suggerito questi due ragazzi, è non darla mai per scontata; partire dal rispetto degli spazi, dell’igiene, dell’arredo civico e delle diversità. E magari, anche rispettare i semafori non sarebbe poco.
scuola a pezzi
Non siamo un voto
L'opinione dei ragazzi sul ddl scuola
bamboccioni a chi?
Genova è una città fragile
11 ottobre 2014: ed è di nuovo rabbia
bamboccioni a chi?
Together is possible
La bella gioventù che rialza la città
bamboccioni a chi?
Together is possible
La bella gioventù che rialza la città
Archivio Noi che
bamboccioni a chi?: Together is possible (Luca Pizzimenti) 22/10/14 18:08
on the road: Vi mandiamo a quel paese (Fabio Canessa Eleonora Priori) 26/06/14 15:11
friends: Festival Internazionale del Giornalismo 2012 (Chiara Colasanti) 16/05/12 18:41
gita di classe: Tutto il male del mondo (Giulia Cecchi) 04/05/12 10:37
dalle curve: Italia – Scozia: niente cucchiaio di legno per noi! (Chiara Colasanti) 02/04/12 11:45
sabato sera: Una giornata ai limiti della disco... (Lady Iron) 07/03/12 18:05
on the road: Largo ai sogni! (Alberto Sartori) 09/02/12 12:09
on the road: Sognando la California (Alessandro Bai) 02/02/12 17:31
sabato sera: “Un’autostrada indiana” verso il futuro. (Eleonora Cosmelli) 04/01/12 09:32
come te nessuno mai: Il volto sporco dell'amore (Gabriele Carovano) 30/12/11 12:28